Vai al contenuto principale

La vita degli altri

Diritto industriale

La vita degli altri

La donna italiana più famosa del mondo non è Sofia Loren né Monna Lisa (La Gioconda), ma Chiara Ferragni. Se i lettori più anziani dovessero nutrire dubbi - come inizialmente l'autore di questo articolo - si suggerisce loro di chiedere ai propri figli. Qual è la professione della signora Ferragni? Cantante? Attrice? Premio Nobel? No, una influencer con oltre 25 milioni di follower.

Come un influencer debba essere classificato legalmente non è stato ancora definitivamente chiarito da nessuno dei due ordinamenti. Tuttavia, il 9 settembre 2021 (I ZR 90/20, 125/20, 126/20), la Corte suprema federale (BGH) ha avuto motivo di decidere su controversie giuridiche con tre influencer tedesche (tra cui Cathy Hummels, moglie di un giocatore di calcio noto in Germania) dal punto di vista del diritto della concorrenza sleale. Nella misura in cui le loro performance, che attirano soprattutto i giovani, si riferiscono a prodotti sui quali l'utente può cliccare e scoprire così dove può acquistarli, non è altro che pubblicità. Ai sensi del § 5(6) UWG, una persona agisce in modo sleale se omette di rivelare lo scopo commerciale di un’attività commerciale, a meno che questo scopo sia immediatamente evidente dalle circostanze, e l'omissione induca il consumatore a prendere una decisione commerciale che altrimenti non avrebbe preso. L'influencer che pubblicizzava in questo modo i prodotti di altre aziende è stata pertanto condannato a etichettarli come tali; trasmissione pubblicitaria! Nel caso degli altri influencer che pubblicizzavano chiaramente i propri prodotti (compresa compresa la signora Hummels), il BGH non ha visto alcun inganno.