Vai al contenuto principale

Contrattualistica internazionale e vendita internazionale di beni

Assistenza nelle transazioni commerciali estere, contrattualistica, condizioni generali di contratto

Il commercio internazionale segue regole proprie. Prima di varcare il confine nazionale, è consigliabile verificare la compatibilità delle proprie abitudini commerciali con il contesto internazionale e farsi un quadro chiaro delle opportunità e dei rischi del commercio con l’estero che si intende avviare: spesso un minimo aggiustamento può fare la differenza per il successo imprenditoriale.

Differenze importanti rispetto a situazioni puramente domestiche possono sorgere, per esempio, in relazione ai seguenti argomenti:

  • Ammissibilità di alcune clausole contrattuali
  • Validità delle condizioni generali in relazione al partner contrattuale estero
  • Contenuto e forma di un ordine o di una conferma d'ordine
  • Garanzia per vizi e responsabilità per danni da difetti materiali
  • Prerequisiti per la risoluzione di un contratto
  • Risoluzione di obblighi continuativi
  • Prescrizione dei diritti alla prestazione e al pagamento
  • Esecuzione di diritti contrattuali
  • Insolvenza del partner commerciale

Sulla base di una profonda conoscenza del diritto della vendita internazionale e della contrattualistica transfrontaliera, unita ad una pluridecennale esperienza di assistenza nelle transazioni commerciali italo-tedesche, lo studio offre ai suoi clienti una consulenza legale che parte da una prospettiva binazionale: tale circostanza consente, oltre all’ottimizzazione dei contenuti contrattuali, anche di tenere conto delle differenze specifiche di natura giuridica, commerciale e culturale nel rapporto d'affari che si intende avviare. In questo modo, i nostri clienti potranno comprendere meglio le aspettative e le necessità delle loro controparti commerciali e ottenere così una tutela più efficace dei propri interessi nei confronti del loro partner contrattuale, proprio in quanto orientati alla prevenzione di conflitti.

Tenendo conto della dimensione internazionale delle loro transazioni commerciali, forniamo ai nostri clienti consulenze complete per la redazione dei loro contratti o delle loro condizioni generali, li accompagniamo durante la negoziazione e l’esecuzione contrattuale e li assistiamo nell’esercizio dei loro diritti, in forma sia stragiudiziale che giudiziale o arbitrale.

Specializzati in contrattualistica internazionale

Gli avvocati dello studio hanno completato la loro formazione in Italia e in Germania e sono ammessi negli ordini professionali di entrambi i paesi. Grazie alla conoscenza di entrambi gli ordinamenti giuridici e a molti anni di esperienza nella pratica transfrontaliera e internazionale, sono in grado di esaminare sin dall'inizio le Vostre necessità da una prospettiva internazionale, tenendo conto sia delle differenze giuridiche tra Italia e Germania, sia delle normative specifiche per le diverse fattispecie transfrontaliere. Questo permette di determinare volta per volta la strategia più adatta per salvaguardare i Vostri interessi e di proporre soluzioni mirate, che soddisfino al meglio le esigenze individuali.

I nostri servizi di diritto contrattuale in dettaglio

Vi sosteniamo nelle seguenti aree:

L’uso di determinate clausole contrattuali, specialmente nelle transazioni transfrontaliere, spesso rappresenta la chiave di volta per il successo di una relazione commerciale con l’estero.

Nel caso di contratti internazionali, è necessario prestare particolare attenzione a possibili vantaggi e svantaggi dei diversi ordinamenti giuridici applicabili, nonché a diverse normative specifiche internazionali, come la Convenzione delle Nazioni Unite sui contratti di compravendita internazionale di merci (CISG) o la Convenzione sul diritto del trasporto internazionale di merce per strada (CMR).

Anche le clausole di risoluzione delle controversie possono essere determinanti per l’esito di un conflitto all’interno di una relazione commerciale internazionale; per questo è importante determinare attentamente sia eventuali clausole per l’applicazione di metodi alternativi di risoluzione delle controversie (ADR, mediazione), sia le clausole arbitrali o di scelta di giurisdizione per il foro competente.

Assistiamo i nostri clienti nella redazione o revisione di contratti commerciali internazionali, in particolare:

Per i Vostri contratti standard (ordini, conferme d'ordine, contratti online, ecc.), l'uso di condizioni generali di contratto è raccomandabile anche per il commercio con l’estero.

In questo contesto, devono essere considerate in misura particolare le caratteristiche proprie del commercio transfrontaliero. Ad esempio, la validità delle singole clausole delle condizioni generali non è valutata in modo univoco nei diversi sistemi giuridici nazionali. Anche i presupposti per un'inclusione effettiva delle condizioni generali di contratto possono differire a seconda del diritto applicabile al rapporto contrattuale, che sia il diritto di compravendita tedesco, italiano o della Convenzione di Vienna.

Non si può pertanto escludere che l'uso di condizioni generali di contratto che utilizzate a livello nazionale perda ogni efficacia in certi paesi di destinazione - anche europei - , cosicché una determinata clausola, magari di rilevanza importante per la Vostra impresa, potrebbe non avere alcuna valenza per determinati partner commerciali internazionali; e vice versa, potrebbe anche essere che una clausola in condizioni generali di contrato che non soddisfa i criteri di validità dell’ordinamento italiano, per esempio, possa essere efficacemente concordata con un cliente tedesco. In questi casi, può valere la pena considerare l'applicazione della legge tedesca.

Assistiamo i nostri clienti nella redazione “su misura” di condizioni generali adatte a situazioni transfrontaliere, che permettono di operare nel quadro giuridico del paese o dei paesi di destinazione, garantendo al Cliente la loro efficacia. A riguardo, è nostra cura prendere anche in considerazione le peculiarità specifiche del settore (come il commercio online, i contratti IT, i contratti di logistica e trasporto, ecc.) per un inquadramento mirato delle condizioni generali di contratto.

Infine, assistiamo i nostri clienti anche nella revisione delle condizioni generali proposte dal partner commerciale, per dare consapevolezza riguardo a possibili rischi di responsabilità o possibili danni e perdite, e redigiamo clausole appropriate da utilizzare nelle condizioni generali del cliente o nel contratto individuale per ovviare ad eventuali rischi derivanti dalle condizioni generali proposte dalla controparte.

Anche nel corso di una relazione contrattuale ben funzionante, possono verificarsi momenti di crisi. Per superarli con successo, non solo occorre abilità commerciale, ma anche precise conoscenze del contesto legale e dei rischi (e vantaggi) che ne conseguono.

In tal senso, forniamo la consulenza adatta per farVi affrontare serenamente le trattative con la loro controparte commerciale.

A seconda delle circostanze del caso, assistiamo i nostri clienti nell’affrontare le controversie, già insorte o incombenti, sia come consulenti in background che attraverso negoziazioni dirette con il partner commerciale. L'oggetto della nostra consulenza è una gestione delle controversie orientate alle necessità dei nostri clienti, includendo proposte e soluzioni alternative, con l'obiettivo di mantenere o addirittura rafforzare la relazione commerciale per il futuro.

Più precisamente, la nostra assistenza è rivolta a fornire ai nostri assistiti le informazioni necessarie per gestire con successo la “crisi” del rapporto commerciale (in particolare, gli strumenti offerti dalla Convenzione delle Nazioni Unite sui contratti di vendita internazionale di beni nel contesto giuridico italiano o tedesco), offrendo consulenza  

  • sulle possibili linee d'azione,
  • sulle possibili conseguenze legali di determinate dichiarazioni,
  • sui rischi di responsabilità e su possibili danni e perdite,
  • sui prerequisiti e sulle conseguenze legali del scioglimento del contratto,
  • sulle conseguenze legali di una violazione contrattuale,
  • sul prosieguo giudiziale o arbitrale o su metodi alternativi di risoluzione delle controversie (ADR, mediazione ecc.).

La consulenza offerta dallo studio si estende anche all’elaborazione di transazioni e altri accordi per porre fine alle controversie, che garantiscano “tenuta” giuridica, permettano il superamento definitivo della crisi nel rapporto commerciale, e evitino controversie future.

Alle compravendite transfrontaliere si applica, se non esclusa contrattualmente, la Convenzione delle Nazioni Unite sui contratti di vendita internazionale di merci. Questa richiede l’osservazione di regole specifiche, che in alcuni casi possono differire notevolmente dalle regole che pongono gli ordinamenti nazionali per la compravendita, ad esempio:

  • modalità e termini per gli obblighi di esame del bene e di notifica dei difetti
  • requisiti per la rescissione del contratto
  • responsabilità contrattuale oggettiva
  • limitazione dell'ammontare dei danni al danno prevedibile

Una consulenza attenta ai diritti e agli obblighi contrattuali, sia nella posizione di acquirente che in quella di venditore, permette ai nostri clienti di evitare errori durante l’esecuzione della compravendita, e di non esporsi a svantaggi che possono essere anche considerevoli.

Affianchiamo i nostri clienti anche nella gestione diretta di contestazioni contrattuali, sia in difesa contro eventuali reclami per vizi che a tutela dei diritti di garanzia del compratore. Al riguardo adottiamo sempre un approccio pragmatico, puntando a un risultato rapido, tenendo conto del contesto economico.

Se non si raggiunge una soluzione stragiudiziale, rappresentiamo i nostri clienti davanti ai tribunali italiani e tedeschi, nei procedimenti arbitrali e nel contesto della risoluzione alternativa delle controversie (mediazione, ADR).

Caratteristiche speciali del diritto contrattuale in Germania

Condizioni generali di contratto

In Germania, la quasi totalità degli operatori economici, incluse le medie e piccole imprese, utilizzano condizioni generali di contratto per le loro operazioni commerciali. È molto diffusa -e giuridicamente valida secondo il diritto tedesco- la prassi di pubblicare le proprie condizioni generali sul proprio sito internet, al quale si rimanda con una semplice frase sull’ordine o sulla conferma d’ordine che viene inviata al cliente o fornitore. Nel caso di commercio internazionale, è tuttavia richiesto che le condizioni generali siano redatte nella lingua contrattuale o in una lingua intellegibile per la controparte contrattuale.

Diversamente dall’Italia, le clausole “vessatorie” non richiedono la “doppia firma” per essere valide. Questo tuttavia non significa che l’imprenditore tedesco è libero di inserire nelle sue condizioni generali qualsivoglia clausola dal contenuto “vessatorio”. Al contrario: Il legislatore tedesco impone un controllo di validità del contenuto delle condizioni generali proprio sulla base della misura in cui una clausola si scosta dalla corrispondente norma di legge. Se una clausola non è conforme a quanto viene considerato valido dalla legge tedesca, tale clausola è nulla, senza che avvenga una riduzione del contenuto a quanto consentito dalla legge. Questo meccanismo funge da deterrente all’inserimento di clausole vessatorie e deve essere preso in considerazione nella redazione delle condizioni generali di contratto di chi commercia con la Germania.

Prescrizione

In Germania, i termini di prescrizione dei diritti derivanti da garanzia per vizi sono diversi da quelli vigenti in Italia: si prescrivono in due anni per beni mobili e in cinque anni per beni immobili. D’altra parte, un credito derivante dalla vendita di un bene -soggetto a prescrizione ordinaria- si prescrive in soli tre anni, meno di un terzo della prescrizione ordinaria italiana applicabile ai crediti da compravendita. Se esportate in Germania, è quindi fondamentale avere consapevolezza del diritto applicabile e, se è quello tedesco, organizzare di conseguenza la gestione dei propri crediti.

A riguardo, un’ulteriore peculiarità del diritto tedesco impone particolare attenzione alla gestione dei crediti: la prescrizione non si interrompe, come in Italia, attraverso la messa in mora del debitore; in linea di principio, solo l'avvio di misure giudiziali (come la domanda di decreto ingiuntivo) può impedire la prescrizione del credito.

Tutela del credito

Nelle vendite commerciali, la quasi totalità delle imprese tedesche fa ricorso alla riserva di proprietà quale strumento principale di tutela del proprio credito. Nella maggioranza dei casi la clausola di riserva di proprietà è inserita nelle condizioni generali di contratto.

Diversamente da quanto è ammissibile per la legge italiana, la riserva di proprietà nella maggior parte dei casi è abbinata anche alla cessione anticipata del credito derivante dalla rivendita del bene a terzi da parte dell’acquirente.

Inoltre, la riserva di proprietà si può estendere, a seconda della tipologia di merce venduta, anche al prodotto di lavorazione del bene venduto, e può operare anche a tutela di tutti i crediti aperti nella relazione commerciale.

La riserva di proprietà è opponibile a terzi (come terzi creditori o curatori fallimentari) senza necessità di provare con data certa la conclusione della stessa. È sufficiente fornire prova dell’avvenuto accordo prima di o in contemporanea con la conclusione del contratto.

Caratteristiche speciali del diritto contrattuale in Italia rispetto alla Germania?

Sei tedesco e sei interessato alle particolarità del diritto contrattuale in Italia? Puoi trovare informazioni su questo nella versione tedesca di questa pagina.

Domande frequenti dei nostri clienti

La risposta a questa domanda dipende prima di tutto dalla legge applicabile: che sia la legge italiana o quella tedesca e la Convenzione delle Nazioni Unite sulle vendite internazionali di beni.

  • Se al rapporto contrattuale è applicabile solo il diritto italiano, allora perché le condizioni generali siano validamente incluse, il partner contrattuale deve aver firmato separatamente le clausole per lui svantaggiose.
  • Secondo il diritto tedesco, l'utente deve aver indicato l’utilizzo di condizioni generali al partner contrattuale e avergli dato la possibilità di consultarle.
  • Secondo la Convenzione delle Nazioni Unite sui contratti di vendita internazionale di merci, le condizioni generali devono essere state messe a disposizione della parte contraente al momento della conclusione del contratto.

In tutti i casi, le condizioni generali devono essere scritte nella lingua del contratto o comunque in una lingua comprensibile al partner contrattuale.

In assenza di un accordo contrattuale separato, la Convenzione delle Nazioni Unite sui contratti di vendita internazionale di beni è applicabile come parte del sistema giuridico italiano. Anche se la Convenzione di Vienna prevede la responsabilità per i difetti materiali indipendentemente dalla colpa, il Vostro cliente tedesco può in linea di principio chiedere la cancellazione del contratto solo se ha ispezionato correttamente la merce e ha dato notizia dei difetti, se il difetto costituisce una violazione essenziale del contratto e se è scaduto senza risultato un periodo di tempo ragionevole per eliminare il difetto. Inoltre, secondo la Convenzione di Vienna, l'ammontare dei danni che potrà chiederVi è limitato al danno che era prevedibile al momento della conclusione del contratto: questo esclude obblighi di risarcimento imprevedibilmente elevati.

Per quanto riguarda la durata dell'obbligo di garanzia, si applicano i termini di prescrizione del diritto italiano, in questo caso un anno.

Se la merce viene ritirata presso la sede del fornitore a Monaco, questo luogo deve essere considerato come il luogo di esecuzione. Il tribunale italiano della sede dell'acquirente e il tribunale tedesco del luogo di esecuzione sono quindi entrambi competenti per le azioni di pagamento del venditore. L'unico modo per evitare un'azione legale all'estero in un caso del genere è quello di concordare la giurisdizione applicabile.

Desidera una prima consultazione?

Siamo a disposizione per parlare del Suo quesito specifico.